Accademia di formazione salvataggio sportivo in acqua

Disciplinare percorsi formativi

   Accademia di formazione settore salvataggio sportivo in acqua

(Rev. 1.0 - del 02/12/2019)

Fermo restando il corso propedeutico per Tecnico (Assistente Tecnico) previsto dal disciplinare del settore cinofilia del CSEN (in vigore dal 1/1/2019), l’area formativa viene suddivisa in base alle competenze che il professionista acquisisce nel settore cinofilia soccorso sportivo in acqua.
I livelli di formazione sono suddivisi nel seguente modo:


  •   Tecnico di primo livello
  •   Tecnico di secondo livello
  •   Tecnico di terzo livello
  •   Operatore di soccorso sportivo in acqua (qualifica non tecnica)
  •   Figurante di disciplina Soccorso Sportivo in Acqua
  •   Giudice di gara disciplina Soccorso Sportivo in acqua
  •   Istruttore di disciplina Soccorso sportivo in acqua
  •   Formatore di disciplina Soccorso sportivo in acqua
I Docenti abilitati ad effettuare i Corsi di formazione per l’abilitazione ed il riconoscimento delle qualifiche relative al presente disciplinare, sono tenuti dai Formatori – Istruttori e Tecnici di Terzo Livello di disciplina Soccorso Sportivo in Acqua, il cui elenco è pubblicato sul sito CSENCINOFILIA.
Le A.S.D che desiderano organizzare un corso tecnici, dovranno inviare una richiesta scritta al Responsabile Nazionale di disciplina, Alessandro Zannini (alessandro@csencinofiliapisa.it) per la valutazione oggettiva della richiesta in base alle necessità reali tenendo conto del rapporto tra le figure tecniche già operanti con il numero delle attività sportive di disciplina svolte.
 
TECNICO DI SOCCOSO SPORTIVO IN ACQUA – PRIMO LIVELLO (TSSPORTA1)
Per accedere al corso di tecnico primo livello occorre avere i seguenti requisiti minimi:
  • Qualifica di Educatore Cinofilo o Assistente Tecnico
  • Comprovata capacità alle attività natatorie
  • Fare parte di una Associazione affiliata al C.S.E.N che pratica attivamente la disciplina per mezzo dei suoi Associati (Almeno 3 Associati che hanno partecipato ai brevetti nell’anno favorevolmente superati)
  • Essere in regola con il tesseramento C.S.E.N dell’anno in corso
  • Possono partecipare direttamente a questo livello formativo anche gli atleti che si sono particolarmente distinti conseguendo il Brevetto di soccorso sportivo in acqua di terzo livello superato favorevolmente con almeno l'esito di "Eccellente". Eventuali documenti da ritenere equipollenti per “meriti sportivi” potranno essere sottoposti alla insindacabile valutazione, caso per caso, del Responsabile Nazionale di specialità coadiuvato da un Istruttore Cinofilo di disciplina (con parere non vincolante)
Svolgimento del Corso Tecnico 1 Livello (TSSPORTA1) – Un week end
Argomenti del Corso:
  • Regolamento di disciplina
  • Aspetti logistici e organizzativi della disciplina
  • Corretto avvicinamento all’acqua (da terra)
  • Prova di acquaticità
  • Età sensibili
  • Comunicazione interspecifica e intraspecifica
  • Comportamento e Apprendimento
  • Educazione cinofila di base
  • Primo soccorso veterinario
  • Prove e brevetti sportivi primo e secondo livello
 Svolgimento dell’esame: prevista una prova scritta, orale e pratica

TECNICO DI SOCCORSO SPORTIVO IN ACQUA – SECONDO LIVELLO (TSSPORT2)
Per accedere al corso di tecnico secondo livello occorre avere i seguenti requisiti minimi:
  • Qualifica di tecnico di primo livello (Ed ha quindi uno o più requisiti richiesti per partecipare al Corso del primo livello) e che ha già partecipato alle prove dei brevetti Terzo Livello superato favorevolmente con l’esito “Eccellente”
  • Fare parte di una Associazione affiliata al C.S.E.N che pratica attivamente la disciplina per mezzo dei suoi Associati (Almeno 5 Associati che hanno partecipato ai brevetti nell’anno favorevolmente superati)
  • Essere in regola con il tesseramento C.S.E.N dell’anno in corso
  • Possono partecipare direttamente a questo livello formativo anche gli atleti che hanno conseguito e/o presentato anche 4 binomi nell'anno della richiesta, con la collaborazione dell'Istruttore di disciplina di riferimento al Brevetto sportivo di salvataggio in acqua di terzo livello superati favorevolmente con almeno l'esito di "Molto Buono". Eventuali documenti da ritenere equipollenti per “meriti sportivi” potranno essere sottoposti alla insindacabile valutazione, caso per caso, del Responsabile Nazionale di specialità coadiuvato da un Istruttore Cinofilo di disciplina (con parere non vincolante)
Svolgimento del Corso Tecnico 2° Livello (TSSPORTA2) – Un week end
Argomenti del Corso:
  • Il Tecnico di salvataggio sportivo in acqua di secondo livello
  • Organizzazione di attività didattiche
  • Costruzione degli esercizi
  • La comunicazione in acqua
  • Gestione del rinforzo
  • Educazione cinofila avanzata
  • Tecniche di addestramento a terra ed in acqua
  • Prove e brevetti sportivi primo livello, secondo livello, terzo livello
  Svolgimento dell’esame: prevista una prova scritta, orale e pratica

TECNICO DI SOCCORSO SPORTIVO IN ACQUA – TERZO LIVELLO (TSSPORTA3)
Per accedere al corso di tecnico terzo livello livello occorre avere i seguenti requisiti minimi:
  • Qualifica di tecnico di secondo livello (Ed ha quindi uno o più requisiti richiesti per partecipare al Corso del primo e secondo livello) e che ha già partecipato alle prove dei brevetti Terzo Livello superato favorevolmente con l’esito “Eccellente”
  • Fare parte di una Associazione affiliata al C.S.E.N che pratica attivamente la disciplina per mezzo dei suoi Associati (Almeno 5 Associati che hanno partecipato ai brevetti nell’anno favorevolmente superati)
  • Essere in regola con il tesseramento C.S.E.N dell’anno in corso
  • Possono partecipare direttamente a questo livello formativo anche gli atleti che hanno conseguito e/o presentato anche 5 binomi nell'anno della richiesta, con la collaborazione dell'Istruttore di disciplina di riferimento al Brevetto sportivo di salvataggio in acqua di terzo livello superati favorevolmente con almeno l'esito di "Molto Buono" e almeno un “Eccellente”. Eventuali documenti da ritenere equipollenti per “meriti sportivi” potranno essere sottoposti alla insindacabile valutazione, caso per caso, del Responsabile Nazionale di specialità coadiuvato da un Istruttore Cinofilo di disciplina (con parere non vincolante)
Svolgimento del Corso Tecnico 3° Livello (TSSPORTA3) – Un week end
Argomenti del Corso:
  • Il Tecnico di salvataggio sportivo in acqua di terzo livello
  • Organizzazione di attività didattiche avanzate
  • Metodo Naturale
  • Lured Training
  • Gestione del rinforzo
  • Clicker training
  • Approccio all’elemento acqua cani con problemi comportamentali e/o fisici
  • Prove e brevetti sportivi primo livello, secondo livello, terzo livello e quarto livello
Svolgimento dell’esame: prevista una prova scritta, orale e pratica

OPERATORE DI SOCCORSO SPORTIVO IN ACQUA (OSSPORTA)
E' un livello non Tecnico per cui non è richiesto nessun requisito cinofilo specifico. Indica la persona che si avvicina al mondo dei brevetti sportivi, partecipando attivamente alle sessioni previste. Per diventare Operatore di salvataggio sportivo in acqua è necessario partecipare almeno a due brevetti fino al secondo livello con esito positivo e la qualifica di "Buono"
 
FIGURANTE DI DISCIPLINA SOCCORSO SPORTIVO IN ACQUA (FIGSSPORTA)
L'attivazione del Corso è vincolata alla verifica di reali esigenze tecniche e logistiche del settore, valutate dal Responsabile nazionale di Specialità, coadiuvato da due Istruttori Cinofili di disciplina che avranno il compito di relazionare e segnalare eventuali necessità.
Il corso si pone l’obiettivo di uniformare il livello dei figuranti, caratterizzato dalla messa in atto di procedure standard fra tutti gli atleti cinofili interessati.
Gli atleti abilitati e qualificati, a seguito dell’esito favorevole del Corso effettuato, saranno pubblicati sul sito CSENCINOFILIA.
 Per accedere al corso Figurante di disciplina Soccorso Sportivo in Acqua, una volta approvato, occorre avere i seguenti requisiti minimi:
  • Fare parte di una Associazione affiliata al C.S.E.N che pratica attivamente la disciplina per mezzo dei suoi Associati (Almeno 2 Associati che hanno partecipato ai brevetti nell’anno favorevolmente superati)
  • Essere in regola con il tesseramento C.S.E.N dell’anno in corso
Svolgimento del Corso Figurante di disciplina Soccorso Sportivo in Acqua – Una giornata: 
  • Comportamento e apprendimento
  • Modellaggio del comportamento (shaping)
  • Il figurante in addestramento
  • Il figurante durante le prove di Soccorso Sportivo in Acqua
  • Equipaggiamento del figurante
  • Regolamento delle prove di brevetto di Soccorso Sportivo in Acqua
  • Comportamento del Figurante “Cosciente”
  • Comportamento del Figurante “Incosciente”
  • Comportamento del Figurante sul gommone
Svolgimento dell’esame: prevista una prova scritta, orale e pratica, da abbinare ad una sessione di prove di Soccorso Sportivo in Acqua
GIUDICE DI GARA DI DISCIPLINA SOCCORSO SPORTIVO IN ACQUA (GIUDSSPORTA)
L'attivazione del Corso è vincolata alla verifica di reali esigenze tecniche e logistiche del settore valutate dal Responsabile nazionale di Specialità, coadiuvato da due Istruttori Cinofili
Per accedere al corso di Giudice di gara, una volta approvato occorre avere i seguenti requisiti minimi:
  • Qualifica di Istruttore Cinofilo di disciplina e Tecnico di 3° Livello (TSSPORTA3) da almeno 3 anni
  • Fare parte di una Associazione affiliata al C.S.E.N che pratica attivamente la disciplina per mezzo dei suoi Associati (Almeno 5 Associati che hanno partecipato ai brevetti nell’anno favorevolmente superati)
  • Essere in regola con il tesseramento C.S.E.N dell’anno in corso
  • Possono partecipare direttamente a questo livello formativo gli atleti che presenteranno documentazioni idonee di merito e per titoli, da sottoporre alla insindacabile valutazione, caso per caso, del Responsabile Nazionale di specialità coadiuvato da un Istruttore Cinofilo di disciplina (con parere non vincolante)
Svolgimento del Corso: 
  • Regolamento prove di brevetto Soccorso Sportivo in Acqua
  • Valutazione delle prestazioni del binomio in gara
  • Valutazione del benessere del cane
  • Due affiancamenti con i Giudici esperti designati alle sessioni di Brevetto
  • Colloquio tecnico con il Commissario di campo alle sessioni di Brevetto
 Svolgimento dell’esame:
  • Prova scritta, orale e pratica
  • Valutazione dei Giudici esperti in affiancamento
  • Valutazione del responsabile Nazionale di specialità
ISTRUTTORE DI DISCIPLINA SOCCORSO SPORTIVO IN ACQUA
E’ l’Istruttore in possesso di Tesserino Tecnico in corso di validità da almeno tre anni, che espleta la sua attività in un Gruppo affiliato C.S.E.N che pratica attività cinotecnica relativa alla disciplina “Soccorso Sportivo in Acqua”, che ha conseguito anche la qualifica di Tecnico di 3° Livello (TSSPORTA3) ed ha presentato almeno 5 binomi ai brevetti sportivi con esito favorevole e qualifica “Molto buono” e “Eccellente”  
 
FORMATORE DI DISCIPLINA SOCCORSO SPORTIVO IN ACQUA
L'attivazione del Corso è vincolata alla verifica di reali esigenze tecniche e logistiche del settore, valutate dal Responsabile nazionale di Specialità, coadiuvato da due Istruttori Cinofili
Per accedere al corso di Formatore di disciplina, una volta approvato, occorre avere i seguenti requisiti minimi:
  • Qualifica di Istruttore Cinofilo di disciplina e Tecnico di 3° Livello (TSSPORTA3) da almeno 5 anni
  • Fare parte di una Associazione affiliata al C.S.E.N che pratica attivamente la disciplina per mezzo dei suoi Associati (Almeno 7 Associati che hanno partecipato ai brevetti nell’anno favorevolmente superati)
  • Essere in regola con il tesseramento C.S.E.N dell’anno in corso
  • Possono partecipare direttamente a questo livello formativo gli atleti che presenteranno documentazioni idonee di merito e per titoli, da sottoporre alla insindacabile valutazione, caso per caso, del Responsabile Nazionale di specialità coadiuvato da un Istruttore Cinofilo di disciplina (con parere non vincolante)
 
Svolgimento del Corso - Esame 
  • Valutazione sulle capacità tecniche formative del candidato da parte di 3 Istruttori Cinofili di specialità
  • Valutazione sulle capacità di relazione con potenziale e ipotetico gruppo di discenti
  • Colloquio tecnico e valutazione finale con il Responsabile nazionale di specialità